Come diventare un Freelancer! – Freelancers Academy

Come diventare un Freelancer!

Bisogna essere onesti, diventare un Freelancer non è affatto difficile, si può imparare a svolgere qualsiasi servizio inerente al mondo digitale ed iniziare a proporsi online ed offline.

Quello che è più complesso però, è diventare un Freelancer di successo. Voglio dire, riuscire a fare in modo che questa professione diventi qualcosa in più di un arrotondamento ad un primo lavoro.

Fare in modo che la propria professione online, la propria passione online, diventi il principale mezzo di guadagno di una persona non è per niente scontato.

Vediamo le difficoltà principali.

Il più delle volte le persone che hanno sviluppato un’ abilità particolare, come ad esempio la grafica, o il copywriting decidono di cercare lavoro online ed offrire i propri servizi a clienti che raggiungono tramite il web o tramite passaparola.

E molto spesso ci riescono pure, il problema però è guadagnare abbastanza, mi spiego meglio, moltissimi freelancers o apprendisti tali, si recano su Fiverr o su Upwork ed iniziano a svendere i propri servizi sperando di poter accaparrarsi qualche cliente.

Offrono un solo servizio e molto spesso low ticket (a basso prezzo, si parla a volte di 10 – 20 € a lavoro) capite che con questi presupposti il lavoro da freelancer difficilmente potrà diventare piacevole e soprattutto redditizio. Quanti clienti bisogna trovare per riuscire a guadagnare cifre serie, con quante persone bisogna parlare? Quante candidature bisogna inviare? E quante ore bisogna passare a scrivere proposte, per aggiudicarsi ogni singolo 20€?

Beh, mi perdonerete se vi dico che ancora una volta quello che può fare la differenza è la strategia, e soprattutto il mindset.

Occorre rovesciare completamente la visuale per diventare un Freelancer di successo.

E cioè bisogna iniziare a lavorare ed a cercare quei clienti che possono essere sviluppabili. Mi spiego meglio…

Non dobbiamo andare a lavorare con tutti ma selezionare i clienti a cui ci proponiamo essendo sicuri che gli stessi possano essere clienti “fidelizzabili”.

L’ esempio pratico è questo:

Immaginate di acquisire un cliente che sta aprendo un bar e cerca qualcuno che gli disegni il suo nuovo logo. Questo cliente vi commissionerà il logo e dopodichè poco più.

Immaginate invece di acquisire come cliente un’ agenzia grafica che ogni 3 giorni vi commissiona un logo diverso per vari diversi clienti.

Capite che la differenza è molto importante, se riuscite ad acquisire un cliente “fidelizzabile” avrete in tasca 10 loghi al mese, e magari (ammesso che ve ne occupiate) anche molti altri lavori di grafica che l’ agenzia potrà affidarvi.

In questo caso avete acquisito un cliente con un lavoro da 20 €, ma ne farete come minimo 200€ / mese senza più doverne acquisire giusto?

Capite quello che può fare la differenza?

Per fare in modo che la tua attività da Freelancer diventi di successo, dovrai prima di tutto selezionare i clienti con cui lavori, scopri come guardando il Training Gratuito di Freelancers Academy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *